martedì 16 ottobre 2018

Pane con curcuma e semi di lino per WBD 2018

Il 16 ottobre è l'anniversario della fondazione dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) e, in questo giorno si celebra la Giornata Mondiale dell'Alimentazione.
Infatti, sin dal 2006 i foodblogger di tutto il mondo esprimono la loro vicinanza alla giornata indetta dalla FAO, con la Giornata Mondiale del Pane, sfornando pane come ringraziamento del pane quotidiano che si riesce a mettere a tavola.
World Bread Day, October 16, 2018
Quest'anno anch'io partecipo a questa Giornata Mondiale del Pane "World Bread Day 2018" organizzata da Zorra. Per vedere la carrellata dei pani presentati nell'anno 2018: part 1, part 2 e part3. Per questa memorabile giornata ho preparato un pane semplice, gustoso e molto profumato, adatto per essere farcito con quel che si vuole, sia dolce che salato.
Più semplice da fare che da spiegare, ho usato il metodo senza impasto che mi da molte soddisfazioni con poca fatica.

Ingredienti:

  • 400g di farina semi integrale 
  • 1 cucchiaio colmo di curcuma
  • 180g di acqua
  • 200g di licoli attivo (LIevito naturale in COltura LIquida)
  • 1 cucchiaio di semi di lino
  • 7g di sale
  • 1 cucchiaino di miele
In una ciotola capiente unire l’acqua, il miele e licoli e mescolare bene. Setacciare la farina, aggiungere il sale e i semi di lino ed unirla all’acqua, mescolare bene il tutto con una spatola.
Non importa se ci sono i grumi. Coprire con la pellicola e lasciar riposare per circa 30 minuti.
A questo punto fare delle pieghe: (*) prendere un lembo di impasto dall’esterno e portarlo verso il centro, continuando con lo stesso procedimento per tutto il giro della ciotola. (pieghe a fazzoletto).
Coprire di nuovo la ciotola e lasciare riposare ancora 30 minuti circa. Rifare la stessa operazione (*) per altre due o tre volte.
Man mano l’impasto si affina e diventa liscio come se fosse stato impastato a lungo. Lasciare al caldo per ancora un paio di ore dopo l’ultima piega. Mettere la ciotola in una borsa di plastica e riporre in frigo per tutta la notte.
Al mattino, lasciare la ciotola a temperatura ambiente per un'oretta, travasare sul piano lavoro leggermente cosparso di semola e dividere in cinque pezzi, formare delle palline e appiattirle bene (in questo modo svilupperanno in cottura e diventeranno gonfie e rotonde). Mettere i panini piatti su carta forno e coprire con la pellicola. Lasciare lievitare per circa 4 ore. Prima di infornarli, infarinare i panini con un po' di semola e fare dei tagli abbastanza profondi sulla superficie.
Infornare a 230 gradi circa per 20 minuti o fino a doratura. 



domenica 14 ottobre 2018

Quanti Modi di Fare e Rifare i Maccheroni alla Bolognese

Oggi, 14 ottobre, partecipo con molto piacere all'iniziativa di Quanti Modi di Fare e Rifare, per realizzare il primo piatto del Menù 2018 della Cuochina, i Maccheroni con Ragù alla Bolognese.
E una ricetta molto nota ma io non avevo mai preparato un ragù senza pomodoro, quindi anche questa ricetta, per me, è una novità molto gradita. Grazie Cuochina, con te c'è sempre da imparare 😘
Ingredienti per 4~6 persone
  • 400g di maccheroni rigati
  • 100g di carne di manzo
  • 50g di pancetta di maiale
  • 50g di cipolla
  • 40g di sedano
  • 40g di carota
  • 30g di burro
  • 10g d'olio extravergine d'oliva (1 cucchiaio)
  • 2 chiodi di garofano
  • 2 cucchiai di vino rosso
  • 1 cucchiaio di farina
  • 100cc di brodo vegetale
  • Sale e pepe

Tritare, a punta di coltello, la carne e la pancetta. Mondare, lavare e tritare cipolla, sedano e carota e travasare in una casseruola insieme al burro e all'olio; unire la carne, la pancetta ed i chiodi di garofano, sale e pepe e far rosolare bene il tutto, bagnare con il vino rosso.
Quando il vino sarà evaporato, aggiungere la farina ed il brodo, mettere il coperchio e far cuocere a fuoco debole sino a farlo asciugare ben bene (mezz'ora circa).
Cuocere i maccheroni rigate in abbondante acqua bollente salata, scolarle e condirle con il ragù ed il parmigiano, mescolare bene e servire subito.

l'11 novembre 2018 
Un gustoso primo piatto del Piemonte





Possono interessare

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...