domenica 12 aprile 2015

Quanti Modi di Fare e rifare le Lasagne verdi Emiliane


Aprile, la bella iniziativa di Anna e Ornella,  Quanti modi di fare e rifare ci porta nella cucina di Susanna del blog: Afrodita's Kitchen per preparare: le Lasagne verdi emiliane.
Questa ricetta richiede parecchio lavoro per questo io mi sono organizzata dividendo il lavoro in due giorni in questo modo è stato più veloce e meno impegnativo preparare questa splendida ricetta. 
Grazie Susanna di averla condiviso con noi.

Ingredienti:

Per il ragù:
  • 600 g di carne macinata mista di ottima qualità 
  • 1 cipolla dorata piccola
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • 2 foglie di alloro
  • ½ bicchiere di vino rosso 
  • 500 g di passata di pomodoro di ottima qualità 
  • sale e pepe qb
  • 1 cucchiaino di zucchero (per correggere l'acidità del pomodoro)
  • olio extra vergine di oliva q.b.
  • Un pizzico di spezie miste
Per la pasta:
  • 200 g di farina di grano tenero tipo 0 
  • 100 g di semola rimacinata di grano duro+ quella per la spianatoia 
  • 3 uova 
  • 60 g di spinaci già cotti ben strizzati 
Per la besciamella:
  • 1 l di latte intero
  • 100 g di burro
  • 100 g di farina di grano tenero tipo 0
  • noce moscata q.b.
Per completare:
  • 150 g di parmigiano reggiano grattugiato
  • pangrattato q.b.
Ho cominciato il giorno prima con il preparare il ragù. Ho tritato (grossolanamente) a coltello le verdure  e le ho fatte rosolare in poco olio poi ho aggiunto la carne e ho fatto rosolare ancora. Ho sfumato con il vino rosso, aggiunto la passata di pomodoro, lo zucchero, le spezie, l'alloro, sale e pepe. Ho portato a bollore ho messo il coperchio e ho abbassato al minimo il fuoco (deve appena fremere) e ho fatto cuocere per circa sei ore rimestando ogni tanto. 
Al mattino ho preparato la pasta: ho frullato gli spinaci le ho uniti alle uova la farina e la semola e ho impastato bene poi l'ho coperta con la pellicole e l'ho lasciata riposare. Nel frattempo ho preparato la besciamella: ho fatto sciogliere il burro, aggiunto la farina e il latte (freddo), il sale, la noce moscata e ho fatto bollire tre minuti. Ho coperto con pellicole a contatto per non far formare la pellicina. 
Ho ripreso la pasta l'ho tirata con la macchina abbastanza sottile e l'ho fatta cuocere (basta un minuto) poco alla volta in acqua bollente salata e con un goccio di olio evo (per non farla attaccare), ho messo dei canovacci puliti sul tavolo e vi ho disteso la pasta man mano che la scolavo. 
A questo punto avevo tutto pronto e ho assemblato le lasagne a strati: besciamella, ragù, pasta, fino a riempire quasi interamente la pirofila.
Sopra ho messo abbondante parmigiano e le ho infornate a 180 gradi per circa un ora.
E' avanzata un po' di pasta e ragù, così ho fatto ancora mezzo litro di besciamella e ho preparato un'altra teglia più piccola che ho congelato.
Buonissima! I miei non hanno voluto aspettare per farle assestare, anzi.... mi hanno sollecitata a fare in fretta a tagliarle e a fare le foto!
Che dire sono piaciute tanto grazie ancora Susanna ;)  ;)
 
 Ecco cosa è rimasto........

Il 10 Maggio 2015 saremo da Solema
per realizzare gli Gnocchi di fagioli



10 commenti:

  1. Ben ritrovata Nadia cara!
    Che delizia per la vista ed il palato, oggi nella gioiosa cucina di quanti modi di fare e rifare, si gustano le meravigliose lasagne verdi emiliane!! Io Cuochina, Anna e Ornella ti ringraziamo per aver preparato e condiviso questa tua personale, fantastica versione.
    Ti aspettiamo da Solema il 12 di maggio alle ore 9:00 con gli gnocchi di fagioli
    Un abbraccio

    Cuochina

    RispondiElimina
  2. Cara Nadia, sono proprio contenta che vi siano piaciute....e la teglia vuota ne è la prova inconfutabile!!!
    E' stato un piacere condividere con tutte voi la mia ricetta ed è stato un onore potervi ospitare nella mia cucina. Le tue lasagne sono venute benissimo, sono invitanti e mi fanno venire una gran fame!!! Certo c'è voluto un pò di lavoro per prepararle, e hai fatto bene a metterti avanti il giorno prima, faccio anch'io così.
    Un abbraccio e a presto

    RispondiElimina
  3. Cara Nadia, sono proprio contenta che vi siano piaciute....e la teglia vuota ne è la prova inconfutabile!!!
    E' stato un piacere condividere con tutte voi la mia ricetta ed è stato un onore potervi ospitare nella mia cucina. Le tue lasagne sono venute benissimo, sono invitanti e mi fanno venire una gran fame!!! Certo c'è voluto un pò di lavoro per prepararle, e hai fatto bene a metterti avanti il giorno prima, faccio anch'io così.
    Un abbraccio e a presto

    RispondiElimina
  4. Cara Nadia, ci credo che siano partiti tutti all'assalto delle lasagne, brava! Un abbraccio e alla prossima!

    RispondiElimina
  5. nooooooooooooo ero passata per un assaggino e non ne è rimasto niente!! Troppo buone!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  6. Anche qua sono praticamente evaporate.... un bacione

    RispondiElimina
  7. quasi quasi potevi fare a meno di lavare la teglia!! ;)

    RispondiElimina
  8. non sie riesce ad aspettare nemmeno a casa mia...i lupi reclamano !! un bacione, bravissima!

    RispondiElimina
  9. E' un male comune rimanere con la teglia vuota in poco tempo. E' un buon segno.
    Ciao

    RispondiElimina
  10. ciao Nadia,
    sei stata molto "emiliana brava"!! Sono perfette.
    E' una ricetta come si dice lunga, ma spalmata su due giorni ripaga con
    la soddisfazione della tua teglia vuota.
    Un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina

Possono interessare

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...