domenica 13 dicembre 2015

Quanti Modi di Fare e Rifare La torta Vassilopita

Con la ricetta di dicembre la Cuochina ci porta in Grecia, nella splendida cucina di Marina del blog: Il laboratorio di mm_skg, per realizzare la  torta Vassilopita. È un piacere partecipare all'iniziativa di Quanti modi di fare organizzato da  Anna e Ornella
Sono sempre contenta di conoscere ricette e tradizioni nuove da sperimentare, come questa torta molto profumata, deliziosa e semplice da realizzare!!!
Non ho trovato il Mahlab che ho sostituito con due mandorle amare tritate. 
Ho realizzato una torta più piccola e con l'impasto restante ho fatto dei muffin aggiungendo gocce di cioccolato e la mela che era servita per fare l'infuso.
Ottima anche questa variante.

Ingredienti:
  • 650g farina 00
  • 160g burro
  • 200g zucchero
  • 2 uova piccole
  • (30ml) brandy
  • Un cucchiaino di bicarbonato
  • Un cucchiaino di lievito per dolci
  • 2 mandorle amare tritate
  • Un pizzico di sale
  • Il succo di mezzo limone
  • Buccia di una mela non trattata
  • Un cucchiaino di semi di anice 
Per decorare:
  • semi di papavero 
  • mandorle tritate
  • zucchero in granella
La sera prima ho preparato l'infuso facendo bollire in un pentolino, una tazza di acqua, la buccia della mela e i semi di anice. Dopo un po', ho tolto dal fuoco e  lasciato in infusione tutta la notte. Al mattino seguente ho scolato il liquido.
Nella planetaria ho messo la farina, il burro fuso e azionato la macchina per pochi secondi fino a che ho ottenuto un impasto sbriciolato. Ho aggiunto il brandy, al quale avevo stemperato il bicarbonato, i tuorli (tenendo da parte gli albumi) le mandorle amare, il succo di mezzo limone, il sale e circa 200g di infuso, ottenendo così un impasto soffice e morbido.
Ho imburrato e infarinato una teglia piccola e ho versato metà dell'impasto.
Con gli albumi ho spennellato la superficie e cosparso con mandorle tritate, zucchero in granella e semi di papavero.
Ho tagliato la mela in pezzi piccoli e l'ho aggiunta all'altra metà dell'impasto, insieme a gocce di cioccolato. Ho riempito 12 stampini per muffin, spennellato la superficie con l'albume, cosparso di mandorle, granella di zucchero e semi di papavero. Ho infornato tutto insieme a 180 gradi per circa 20 minuti poi ho tolto i muffin e ho proseguito la cottura della torta per altri 10 minuti.
Mentre cuoceva un profumino di anice ha invaso la casa :-))) 
Buonissima GRAZIE Marina di averla condivisa.

Il 10 Gennaio saremo da Paola del blog:Cioccolato amaro 
per realizzare le Chiacchiere




3 commenti:

  1. Buona domenica cara Nadia!
    Che bella atmosfera natalizia si respira oggi nella cucina di Quanti modi di fare e rifare! Profumi intensi di spezie aleggiano ovunque e tutti non vediamo l'ora di sapere a chi toccherà la monetina portafortuna nascosta nella Vassilopita!
    Cuochina, Anna e Ornella ti ringraziano di cuore per la golosissima versione che oggi hai preparato per la gioia di tutti noi!
    Ci vediamo a gennaio, a casa di Paola per fare tutti insieme le Chiacchiere salate
    Gli auguri di buon Natale e sereno anno nuovo ce li scambieremo il 24 dicembre alle 9:00 :)
    Un abbraccio

    Cuochina

    RispondiElimina
  2. Riuscita benissimo, sia nella versione classica che muffin...buonissima non trovi?!

    RispondiElimina
  3. Ciao Nadia!
    Lo so che in Italia il mahlab è difficile da trovare, ma anche le mandorle amare stanno benissimo. Buona idea le vassilopites muffin me la segno..
    Buone feste!

    RispondiElimina

Possono interessare

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...