domenica 9 novembre 2014

Quanti Modi di Fare e Rifare i Caronsei

                                     
Oggi, 9 novembre è un giorno speciale perché la Cuochina di Quanti modi di fare e rifare è venuta a trovarmi, con mia grande gioia e sono molto onorata di ospitarla. La mia proposta per la ricetta del mese da fare tutti insieme sono i  Caronsei, dei ravioli rustici che fanno parte della mia trazione. 
La ricetta che ho pubblicato lo scorso anno dei caronsei è quella classica che preparo spesso (in genere per qualche occasione speciale), per farli compro gli ingredienti necessari per realizzarli in quel modo.
La mia nonna però non utilizzava ingredienti acquistati apposta, per fare il ripieno usava quello che aveva in casa, ingredienti poveri (spesso avanzi). Realizzava questo gustoso piatto con poca spesa e riusciva a sfamare tutta la famiglia. 
Questa volta ho fatto anch'io come la nonna, ho aperto il frigo e ho guardato cosa c'era. Ho trovato una crosta di formaggio bagoss*, un fondo di speck, avevo degli spinaci e ho aggiunto la base di pane, latte e uova e ne è venuto fuori un ripieno molto gustoso. 
Ho realizzato una versione piu veloce, non ho tagliato l'impasto con lo stampo tondo, ho solo piegato la pasta sopra il ripieno e poi li ho tagliati con la rotella, in questo modo diventano quadrati e si evita di avere ritagli.
Lo speck gli ha dato quel gusto leggermente affumicato che e piaciuto molto.
Non vedo l'ora di vedere tutte le versioni di questa ricetta e come verrà trasformata dalle nostre amiche cuochine che insieme ad Anna e Ornella partecipano ogni mese all'iniziativa di Quanti Modi di Fare e Rifare".
* BAGOSS = formaggio tipico di Bagolino molto pregiato, molto gustoso.

Ingredienti:

per il ripieno:
  • 100 gr di bagoss grattugiato
  • 200 gr parmigiano
  • 2 panini raffermi
  • latte qb
  • 4 uova
  • 100 gr di speck 
  • una manciata di spinaci
  • pane grattugiato qb
  • mezza cipolla
  • un goccio di olio evo 
  • un pizzico di spezie
per la pasta:
  • tre uova
  • acqua + uova per un totale di 250 gr
  • 500 gr di farina bianca
  • 10 gr olio evo
Per condire
  • 100g di burro
  • uno spicchio di aglio
  • un ciuffetto di salvia
  • parmigiano qb
Per prima cosa ho spezzato il pane, in una capiente ciotola, coperto con il latte e lasciato ammorbidire per un po'. Nel frattempo ho preparato la pasta  con farina, uova, acqua e olio ed ho impastato fino ad ottenere una pasta liscia. L'ho coperta con la pellicola e l'ho messa da parte. Ho tritato il formaggio e passato nel tritacarne lo speck. 
In una pentola ho messo poco olio, la cipolla tritata che ho fatto soffriggere, ho aggiunto lo speck e gli spinaci precedentemente cotti e strizzati e ho fatto rosolare bene. Ho aggiunto il tutto al pane, ormai morbido, ho unito i formaggi le uova e le spezie e il pangrattato necessario per ottenere un ripieno non troppo morbido. Ho tirato la pasta con la nonna papera, prima al massimo dello spessore, poi leggermente più sottile.
Ho messo su un lato della sfoglia dei pizzicotti di ripieno distanziandoli, ho ribaltato sopra la sfoglia, ho tagliato i ravioli con la rotella e li ho chiusi bene con i rebbi della forchetta. 
Ho fatto bollire i caronsei in abbondante acqua salata, nel frattempo ho fatto soffriggere l'aglio, la salvia ed il burro, facendolo diventa color nocciola. Ho spolverato con abbondante parmigiano e ho servito agli affamati.........                                     
Appena prima di finire in pentola



 
Il 14 dicembre saremo da
Donatella del blog L'ingrediente perduto



 

16 commenti:

  1. Buona domenica carissima Nadia,
    che sia serena, soleggiata dopo tanta pioggia...ricca di avvenimenti e di incontri positivi! Come quello che ci fa ritrovare tutti insieme nella bella ed armoniosa cucina di Quanti modi di fare e rifare a preparare, mese dopo mese, succulenti manicaretti!
    Anna e Ornella ti ringraziano di cuore per averci accolti tutti nella tua accogliente dimora a gustare un piatto favoloso della tradizione: i caronsei! Ti aspettiamo il 14 dicembre per fare La torta di miele e frutta secca di Donatella!

    Un abbraccio
    Cuochina

    RispondiElimina
  2. Fantastici Nadia... sia questa versione che l'altra... oggi li rimangiamo... perchè quell ifatti nella tua cucina erano tanti... e una parte li avevo congelati! Quindi oggi... ancora Caronsei!!!
    PS: Mi aspettavo di vedere una foto con tuo figlio che ti aiutava! :-)
    Alla prossima!!!! Bacissimi!!!

    RispondiElimina
  3. Bella anche questa versione più povera, in effetti tanti piatti della cucina povera nascono dal riciclo, da quello che si ha a disposizione. E' stato un piacere preparare e gustare questo piatto. Grazie.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  4. bellissima anche quest'altra variante! grazie a te cara è stato un piacere!

    RispondiElimina
  5. Proverò anche questa versione. Ti ringrazio per la ricetta...favolosa.

    RispondiElimina
  6. E' stato un vero piacere Nadia cucinare da te e con te. La ricetta della tua nonna in tutte le possibili piccole varianti è una prelibatezza, grazie per avercela regalata, un bacione :)

    RispondiElimina
  7. Cara Nadia,
    abbiamo messo un poco sottosopra la tua cucina ma ne è valsa la pena!
    Entrambe le versioni che ci hai proposte sono squisite, un abbraccio e alla prossima!

    RispondiElimina
  8. Buonissimi i tuoi casoncelli, a noi sono piaciuti tantissimo, erano proprio deliziosi!!!!
    Grazie per la ricetta e per averla condivisa :-)
    Bellissima anche la vesione "povera" non mancherò di provarla ....
    Ciao, a presto ....

    RispondiElimina
  9. Grazie, grazie, grazie! ricette buonissima, ho dovuto apportare un minimo di variazioni ma la sostanza è la medesima , tutto strabuono! L'avanzo del ripieno ci ho riempito una tasca di vitello... ancora più buono... grazie ancora!

    RispondiElimina
  10. ciao Nadia,
    ci siamo divertite moltissimo a fare i tuoi caronsei.
    Sono ricette povere o non che hanno un ingrediente magico: i ricordi belli.
    Grazie per l'ospitalità e
    un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina
  11. Mi piacciono molto questa tipologie di ricette della tradizione che si fanno con quello che si ha disposizione. Molto buona questa tua versione.
    Grazie per l'ospitalità.

    RispondiElimina
  12. con un ripieno così sono davvero molto invitanti! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  13. Ciao Nadia, grazie per averci insegnato questa ricetta della tradizione!!! Questa tua versione con gli avanzi la trovo ancora più azzeccata!!!

    RispondiElimina
  14. Ciao Nadia! I tuoi caronsei hanno fatto talmente scalpore... che ho deciso di pubblicare quell iche ho fatto io sul forum di PizzaPastaMandolino (http://www.pizzapastamandolino.it/forum/showthread.php/5020-Caronsei-o-casoncelli) Ovviamente non potevo non nominarti! :-) Spero non ti dispiaccia! CIAO!

    RispondiElimina
  15. Ciao cara!
    I tuoi caronsei sono stati i più saporiti ravioli mai assagiati! Tutti in famiglia li hanno adorati, meno male che ne ho preparato una buona quantità! Una volta congelati poi si conservano benissimo e così quelli che sono avanzati saranno destinati per il pranzo di Natale!
    Grazie per la ricetta!
    Bacione!

    RispondiElimina
  16. Certo che sono proprio da provare, appena ci riesco ti faccio sapere, nel mentre mi divertoa vedere voi cuochine...
    Un abbraccio!!!

    RispondiElimina

Possono interessare

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...