giovedì 24 dicembre 2015

Auguri stellati per un sereno Natale

Eccoci anche oggi tutte insieme noi Amiche dei Quanti modi di fare e rifare per scambiarci gli auguri per le prossime feste con le Stelle di Natale da mangiare, come ci ha chiesto la nostra Cuochina.
Tanti auguri a tutte le Amiche ed anche a chi passa dal mio, un poco trascurato, bloggino -:)
Io ho fatto due Stelle di Natale ed ho usato lo stesso impasto, quello dei Kanelsnurrer, molto adatto per fare anche questo tipo di lievitati.

Ingredienti
300gr di licoli attivo rinfrescato tre volte
420 g di farina di forza
100 g di latte 
80 g di zucchero
80 g di burro
1 uovo grande intero
½ baccello di vaniglia
6 g di sale
Per la crema di burro alla cannella
80-100 g di burro a temperatura ambiente
80-100 di zucchero
cannella in polvere
200g uvetta ammollata 
Miele per lucidare

La sera precedente ho messo nella planetaria licoli, l'uovo, lo zucchero, il latte e la farina ed ho fatto impastare, messo a riposare una mezz'oretta, poi ho unito la vaniglia, il burro morbido poco per volta e il sale, ho lasciato impastare finché non è risultato bello liscio. Ho messo in una ciotola più grande coperto da pellicola e lasciato nel forno spento tutta notte. Al mattino era bello gonfio, ho preparato la crema al burro mischiando bene il burro morbido, la cannella e lo zucchero, ho diviso in tre pezzi l'impasto e li ho tirati con il matterello in cerchi tutti uguali.Ho spalmato metà crema al burro sul primo, ho messo una manciata di uvetta, poi ho messo sopra il secondo è spalmato l'altra metà crema e uvetta, infine ho sovrapposto il terzo strato. Ho tagliato a spicchi con un coltellino molto affilato partendo dal centro e lasciando attaccato l'estremità ho poi arrotolato ogni spicchio tre volte. Ho fatto lievitare ancora per circa 4 ore e ho infornato a 200 gradi per circa 15 minuti. Ho scaldato al microonde un po di miele e con un pennello l'ho lucidata.
Con la pasta avanzata ho fatto questa. Ho tirato la pasta abbastanza sottile ho tagliato tanti cerchietti che ho spalmato con la crema . Ho messo l'uvetta è piegato in 4 ogni cerchietto. Disposto a raggiera con l'apertura verso l'alto . Ho cotto e lucidato allo stesso modo di quella precedente.

     

domenica 13 dicembre 2015

Quanti Modi di Fare e Rifare La torta Vassilopita

Con la ricetta di dicembre la Cuochina ci porta in Grecia, nella splendida cucina di Marina del blog: Il laboratorio di mm_skg, per realizzare la  torta Vassilopita. È un piacere partecipare all'iniziativa di Quanti modi di fare organizzato da  Anna e Ornella
Sono sempre contenta di conoscere ricette e tradizioni nuove da sperimentare, come questa torta molto profumata, deliziosa e semplice da realizzare!!!
Non ho trovato il Mahlab che ho sostituito con due mandorle amare tritate. 
Ho realizzato una torta più piccola e con l'impasto restante ho fatto dei muffin aggiungendo gocce di cioccolato e la mela che era servita per fare l'infuso.
Ottima anche questa variante.

Ingredienti:
  • 650g farina 00
  • 160g burro
  • 200g zucchero
  • 2 uova piccole
  • (30ml) brandy
  • Un cucchiaino di bicarbonato
  • Un cucchiaino di lievito per dolci
  • 2 mandorle amare tritate
  • Un pizzico di sale
  • Il succo di mezzo limone
  • Buccia di una mela non trattata
  • Un cucchiaino di semi di anice 
Per decorare:
  • semi di papavero 
  • mandorle tritate
  • zucchero in granella
La sera prima ho preparato l'infuso facendo bollire in un pentolino, una tazza di acqua, la buccia della mela e i semi di anice. Dopo un po', ho tolto dal fuoco e  lasciato in infusione tutta la notte. Al mattino seguente ho scolato il liquido.
Nella planetaria ho messo la farina, il burro fuso e azionato la macchina per pochi secondi fino a che ho ottenuto un impasto sbriciolato. Ho aggiunto il brandy, al quale avevo stemperato il bicarbonato, i tuorli (tenendo da parte gli albumi) le mandorle amare, il succo di mezzo limone, il sale e circa 200g di infuso, ottenendo così un impasto soffice e morbido.
Ho imburrato e infarinato una teglia piccola e ho versato metà dell'impasto.
Con gli albumi ho spennellato la superficie e cosparso con mandorle tritate, zucchero in granella e semi di papavero.
Ho tagliato la mela in pezzi piccoli e l'ho aggiunta all'altra metà dell'impasto, insieme a gocce di cioccolato. Ho riempito 12 stampini per muffin, spennellato la superficie con l'albume, cosparso di mandorle, granella di zucchero e semi di papavero. Ho infornato tutto insieme a 180 gradi per circa 20 minuti poi ho tolto i muffin e ho proseguito la cottura della torta per altri 10 minuti.
Mentre cuoceva un profumino di anice ha invaso la casa :-))) 
Buonissima GRAZIE Marina di averla condivisa.

Il 10 Gennaio saremo da Paola del blog:Cioccolato amaro 
per realizzare le Chiacchiere




domenica 8 novembre 2015

Quanti modi di Fare e Rifare I Kanelsnurrer


Oggi 8 novembre partecipo all'iniziativa di  Quanti modi di fare organizzato da  Anna e Ornella.
Siamo in Norvegia ospiti della nostra cara Cuochina Ornella del blog: Il giardino dei sapori e dei colori per realizzare : I Kanelsnurrer
Grazie per averci ospitato e regalato questa buonissima ricetta che durante la cottura emana un meraviglioso profumino che invade piacevolmente tutta la casa :-))
Buonissimi a colazione, sono una golosità unica, quello che ci vuole per iniziare con il buon umore la giornata :-)))
Ho voluto usare il licoli che ho sostituito al poolish.


                                       

Ingredienti:

  • 300gr di licoli attivo rinfrescato tre volte
  • 420 g di farina di forza
  • 100 g di latte 
  • 80 g di zucchero 
  • 80 g di burro 
  • 1 uovo grande intero 
  • ½ baccello di vaniglia 
  • 6 g di sale 
per la crema di burro alla cannella 

    • 80-100 g di burro a temperatura ambiente 
    • 80-100 di zucchero 
    • cannella in polvere


La sera precedente ho messo nella planetaria licoli, l'uovo, lo zucchero, il latte e la farina ed ho fatto impastare, messo a riposare una mezz'oretta, poi ho unito la vaniglia, il burro morbido poco per volta e il sale, ho lasciato impastare finché non è risultato bello liscio. Ho messo in una ciotola più grande coperto da pellicola e lasciato nel forno spento tutta notte. Al mattino era bello gonfio, ho preparato la crema al burro mischiando bene il burro morbido, la cannella e lo zucchero, ho diviso in tre pezzi l'impasto e li ho tirati con il matterello in rettangoli di circa 30x 40 cm. Ho spalmato metà crema al burro sul primo strato poi ho messo sopra il secondo è spalmato l'altra metà crema e infine ho sovrapposto il terzo strato. Ho tagliato in striscioni che  ho arrotolato e poi ho formato una chiocciola. Ho fatto lievitare ancora per circa 4 ore e ho infornato a 200 gradi per circa 15 minuti. 
Buonissimi caldi appena sfornati ma freddi ancora meglio . 
Si possono congelare e togliere la sera prima di andare a letto così al mattino sono pronti per una colazione da veri RE :-))) 

 Il 13 Dicembre ci ospita Marina
del blog: Il laboratorio di mm_skg
 Per realizzare la tortaVassilopita



 

domenica 11 ottobre 2015

Quanti Modi di Fare e Rifare I Pilzgröstl (rosticciata)

      


È già ottobre, il pensiero di aver lasciato la bella stagione per iniziare un lungo, freddo inverno, fa venire un po' di tristezza :-((
Ma con Cuochina, Anna e Ornella  di Quanti modi di fare, il buonumore ritorna nell'assaggiare piatti sempre nuovi e gustosi, come questa rosticciata, un vero tirami su :-)))
Questo mese ci ospita Maria Giovanna del blog: Stella senza glutine.
Grazie per la tua ospitalità.

Ingredienti:
  • Patate
  • Una cipolla 
  • Speck 
  • Finferli
  • Olio sale e pepe qb
                                        
  
Per prima cosa ho fatto rosolare lo speck. Ho tagliato a dadini le patate, fatte saltare in padella con metà cipolla e un filo di olio. A parte ho soffritto l'altra mezza cipolla, ho aggiunto i funghi, salato pepato e fatto rosolare per circa una mezz'ora. Ho infine unito ai funghi le patate, poi lo speck, ho aggiustato di sale e fatto amalgamare il tutto per circa cinque minuti. Ho servito fumante. 
Semplice ma buonissimo, un piatto della domenica inutile dire che lo abbiamo mangiato tutto !!!!!


8 novembre 2015 saremo da Ornella
del blog: Il giardino dei sapori e dei colori
 

                             per realizzare: Kanellsnurrer                      
   

domenica 13 settembre 2015

Quanti Modi di Fare e Rifare La torta Ciosota

Siamo a settembre, eccoci qui per ricominciare con l'iniziativa di Anna e Ornella  di Quanti modi di fare, e si inizia in bellezza con un dolce molto particolare  La Torta ciosota.
Questo mese ci ospita Terry del blog: Crumpets & co. 
Anch'io, quando ho visto la presentazione della torta mi sono chiesta: il radicchio in una torta....??
Sperimentare a me piace molto così ho provato e con grande gioia ho scoperto che è buonissima e molto particolare. 
Si scioglie in bocca e il radicchio le dona un aroma particolare che ci sta bene .
Dalla ricetta originale ho cambiato solo la farina di nocciole con quella di mandorle non avendo trovato quella  di nocciole.
È piaciuta a tutti, grazie Terry per averla condivisa con tutti noi :-))

Ingredienti:
  • 150 gr di burro
  • 150 gr di zucchero
  • 5 uova
  • 1 bacca di vaniglia
  • 100 gr di farina 00
  • 1 bustina di lievito
  • 150 gr di carote grattugiate
  • 200 gr di radicchio tritato finemente
  • 150 gr di mandorle in farina
  • 6 biscotti secchi
  • Zucchero a velo per guarnire 
Ho separato le uova, ho montati a neve gli albumi e, separatamente i tuorli con lo zucchero. Ho aggiunto il burro morbido quando il composto era ben montato e spumoso, unito le farine, le verdure, la vaniglia, i biscotti sbriciolati e, per ultimo, ho incorporato gli albumi montati. Ho imburrato e infarinato una teglia tonda, ho travasato l'impasto ed infornato a 180 gradi per circa 45 minuti. 
Ho controllato la cottura con uno stuzzicadenti e quando si è raffreddata l'ho cosparsa con lo zucchero a velo. 



L'11 ottobre 2005 saremo da Terry
del blog: Stella senza glutine
Per realizzare:il Pilzgrostl

                           

     

domenica 12 luglio 2015

Quanti Modi di Fare e rifare I sofficini

A luglio, Anna e Ornella con l'iniziativa di Quanti modi di fare e rifare, ci portano in Germania, nella cucina di Francesca del blog: Voglio vivere così, per realizzare i Sofficini.
Con vero piacere ho eseguito questa ricetta buona e molto semplice da realizzare, è piaciuta tanto. Con queste dosi me ne sono venuti molti, ed una parte li ho dovuti congelare (come quelli veri), comodi da tenere in freezer. Ho fatto una base con la besciamella e poi ho aggiunto verdure e mozzarella e sono venuti cremosi e filanti buonissimi anche freddi.
Grazie Francesca di averci ospitato nella tua cucina, è stato un vero piacere😃😃

Ingredienti :

Per la pasta:
  • Una tazza di acqua
  • Una tazza di farina 0
Per il ripieno:
Per la besciamella:
  • 500gr di latte 
  • 60gr di farina
  • 60gr burro
  • Sale e noce moscata
In oltre ho aggiunto:
  • Un peperone giallo
  • Un peperone rosso
  • Una carota
  • Una cipolla
  • Una mozzarella
  • Sale pepe olio evo qb
Per panare:
  • Due uova
  • Pane grattugiato
  • Olio di semi per friggere 

Ho iniziato con la pasta: ho fatto bollire l'acqua ho aggiunto la farina in un colpo solo, ed ho mischiato bene, quando si è formata una palla senza grumi che si staccava dalle pareti della pentola, l'ho avvolta nella pellicola e l'ho lasciata raffreddare.
Nel frattempo ho preparato la besciamella: ho sciolto il burro, aggiunto la farina, il latte caldo, sale, pepe e ho fatto addensare per qualche minuto.
Ho tagliato a piccoli pezzi le verdure e le ho saltate in padella con un filo di olio, sale e pepe (devono rimanere croccanti).
Ho tagliato la mozzarella a dadini e ho unito tutto alla besciamella amalgamando bene il tutto. Ho tirato la pasta sul tavolo infarinato, e con una ciotola ho ricavato tanti dischi. Ho messo il ripieno solo su una metà del disco, attenzione a non esagerare con il condimento, altrimenti non si riesce a chiuderli bene, quindi li ho sigillati, premendo bene tutto intorno.
Ho sbattuto l'uovo, ho preso i sofficini e li ho impanati uno alla volta, passandoli nell'uovo, poi nel pane grattugiato. In poco olio li ho fritti da entrambi i lati. Buonissimi anche freddi.


 Il 9 agosto siamo in vacanza
 Il 13 settembre saremo da 
Terry del blog: Crumpets & co.
  Per realizzare La Torta ciosota



domenica 14 giugno 2015

Quanti Modi di Fare e Rifare i Patties di merluzzo

Anche questo mese aderisco con molto piacere all'iniziativa Quanti modi di fare e rifare organizzata da Anna e Ornella. Giugno ci porta nella cucina di Fabiana del blog: Fabipasticcio per realizzare i Patties di merluzzo.
Ho preferito usare ingedienti tradizionali e il risultato è stato veramente soddisfacente si è sprigionato un profumo di menta in tutta la cucina decisamente piacevole.
Grazie Fabiana per averci insegnato questa profumata ricetta.

Ingredienti:

  • 700gr di merluzzo fresco
  • 200gr di pane raffermo (home made)
  • 2 uova
  • Qualche foglia di menta e aneto fresco (del mio orto)
  • Sale e pepe qb
  • Olio all'aneto

Per la salsa al Kefir:

  • Kefir ( home made)
  • Aneto 
  • Limone qualche goccia
  • Sale e pepe
Ho cominciato il giorno prima preparando l'olio all'aneto: in un vasetto ho messo l'olio e l'aneto tritato, ho agitato bene e l'ho lasciato riposare fino alla sera dopo.
Ho tritato il pane con l'aneto e la menta, tritato il merluzzo e l'ho unito al pane. Ho aggiunto le uova,  sale e pepe ed ho amalgamato bene, ho fatto delle palline che ho schiacciato e le ho passate nel pane grattugiato. In questi giorni fa tanto caldo e ho preferito non accendere il forno ma cuocerle in padella. 
Ho messo in una padella poco olio preparato in precedenza, vi ho fatto cuocere i Patties facendoli rosolare bene da entrambi i lati.
Nel frattempo ho preparato la salsa mischiando il kefir con qualche goccia di limone, sale e pepe e l'aneto tritato.
Ho messo i Patties ad asciugare su carta da cucina e li ho serviti con la salsa al Kefir, ci sta davvero benissimo .
Ottimo piatto molto profumato e goloso, è piaciuto molto, grazie !!!!!
 
Il 12 luglio saremo da
Francesca del blog: Voglio vivere così
    per realizzare :i Sofficini



domenica 10 maggio 2015

Quanti Modi di Fare e Rifare Gli gnocchi di fagioli

Per maggio Anna e Ornella, di Quanti modi di fare e rifare ci hanno proposto di realizzare gli Gnocchi di fagioli  di Solema del blog:La cucina di Nonna Sole. Come potevo mancare.......
Ho realizzato questa ricetta per la prima volta ed è piaciuta molto a tutta la famiglia, facile da preparare, economica e gustosissima. Grazie Solema di averci ospitato nella tua cucina.

Ingredienti:

  • 750gr di fagioli cannellini ( 3 scatole)
  • 200gr farina integrale
  • Sale
Per condire:
  • Una noce di burro
  • Uno spicchio di aglio
  • Timo e salvia
  • Grana padano
Prima di iniziare ho messo dell'acqua in un pentolino e l'ho messa sul fuoco (per la prova gnocco).
Ho frullato nel mixer i fagioli sgocciolati e lavati, ho aggiunto la farina, il sale e ho impastato.
Prima di fare i rotoloni ho preso una piccola quantità di impasto pari a un gnocco e l'ho messa nel pentolino con l'acqua che nel frattempo ha raggiunto il bollore e ho provato la consistenza dello gnocco ( in questo modo si evitano sorprese e in questa fase si può ancora modificare la consistenza dell'impasto).
La consistenza era perfetta e ho fatto i rotolini che ho tagliato e rigato con l'apposito attrezzo ma in cottura è sparito...
Ho messo in una padella il burro, la salvia, il timo e ho fatto rosolare, nel frattempo ho fatto cuocere gli gnocchi fino a quando sono affiorati e l'acqua ha ripreso il bollore. Li ho scolati, fatti saltare nel condimento e aggiunto abbondante grana.
Sono piaciuti molto a tutti !!!!!


Il 14 di giugno saremo da Fabiana del blog: Fabipasticcio
 per realizzare i Patties di merluzzo



domenica 12 aprile 2015

Quanti Modi di Fare e rifare le Lasagne verdi Emiliane


Aprile, la bella iniziativa di Anna e Ornella,  Quanti modi di fare e rifare ci porta nella cucina di Susanna del blog: Afrodita's Kitchen per preparare: le Lasagne verdi emiliane.
Questa ricetta richiede parecchio lavoro per questo io mi sono organizzata dividendo il lavoro in due giorni in questo modo è stato più veloce e meno impegnativo preparare questa splendida ricetta. 
Grazie Susanna di averla condiviso con noi.

Ingredienti:

Per il ragù:
  • 600 g di carne macinata mista di ottima qualità 
  • 1 cipolla dorata piccola
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • 2 foglie di alloro
  • ½ bicchiere di vino rosso 
  • 500 g di passata di pomodoro di ottima qualità 
  • sale e pepe qb
  • 1 cucchiaino di zucchero (per correggere l'acidità del pomodoro)
  • olio extra vergine di oliva q.b.
  • Un pizzico di spezie miste
Per la pasta:
  • 200 g di farina di grano tenero tipo 0 
  • 100 g di semola rimacinata di grano duro+ quella per la spianatoia 
  • 3 uova 
  • 60 g di spinaci già cotti ben strizzati 
Per la besciamella:
  • 1 l di latte intero
  • 100 g di burro
  • 100 g di farina di grano tenero tipo 0
  • noce moscata q.b.
Per completare:
  • 150 g di parmigiano reggiano grattugiato
  • pangrattato q.b.
Ho cominciato il giorno prima con il preparare il ragù. Ho tritato (grossolanamente) a coltello le verdure  e le ho fatte rosolare in poco olio poi ho aggiunto la carne e ho fatto rosolare ancora. Ho sfumato con il vino rosso, aggiunto la passata di pomodoro, lo zucchero, le spezie, l'alloro, sale e pepe. Ho portato a bollore ho messo il coperchio e ho abbassato al minimo il fuoco (deve appena fremere) e ho fatto cuocere per circa sei ore rimestando ogni tanto. 
Al mattino ho preparato la pasta: ho frullato gli spinaci le ho uniti alle uova la farina e la semola e ho impastato bene poi l'ho coperta con la pellicole e l'ho lasciata riposare. Nel frattempo ho preparato la besciamella: ho fatto sciogliere il burro, aggiunto la farina e il latte (freddo), il sale, la noce moscata e ho fatto bollire tre minuti. Ho coperto con pellicole a contatto per non far formare la pellicina. 
Ho ripreso la pasta l'ho tirata con la macchina abbastanza sottile e l'ho fatta cuocere (basta un minuto) poco alla volta in acqua bollente salata e con un goccio di olio evo (per non farla attaccare), ho messo dei canovacci puliti sul tavolo e vi ho disteso la pasta man mano che la scolavo. 
A questo punto avevo tutto pronto e ho assemblato le lasagne a strati: besciamella, ragù, pasta, fino a riempire quasi interamente la pirofila.
Sopra ho messo abbondante parmigiano e le ho infornate a 180 gradi per circa un ora.
E' avanzata un po' di pasta e ragù, così ho fatto ancora mezzo litro di besciamella e ho preparato un'altra teglia più piccola che ho congelato.
Buonissima! I miei non hanno voluto aspettare per farle assestare, anzi.... mi hanno sollecitata a fare in fretta a tagliarle e a fare le foto!
Che dire sono piaciute tanto grazie ancora Susanna ;)  ;)
 
 Ecco cosa è rimasto........

Il 10 Maggio 2015 saremo da Solema
per realizzare gli Gnocchi di fagioli



sabato 4 aprile 2015

Buona Pasqua con dolci animaletti di pan brioche

                             
 
Buona Pasqua con gli animaletti di pan brioche. Ho poco tempo per fare un grande lievitato ma non mi va di rinunciare a qualcosa di soffice e dolce per Pasqua così ho pensato di fare una brioche senza impasto, veloce ma ugualmente soffice,  il web mi ha dato degli spunti per realizzare questi morbidosi ....
In compagnia di amiche poi è più divertente, acquista più valore e nonostante la distanza le ho sentite vicino.
Il risultato di questa sinergia sono dei simpatici e tenerissimi animaletti di pan brioche.
Ornella ha fatto questi ..........
Anna ha fatto questi ...........
Maria Vittoria, invece, era simbolicamente con noi ma non ha fatto in tempo a panificare.


    Ingredienti:

  • 300 gr farina Manitoba 
  • 150 gr licoli attivissimo 
  • 120 gr zucchero
  • 50 ml latte
  • 90 gr burro fuso
  • 2 uova
  • buccia di arancia
  • vaniglia 
  • sale un pizzico 
  • Gocce di cioccolato e pinoli per decorare

Ho mischiato i liquidi e lo zucchero, aggiunto il licoli,  metà della farina totale, mescolato poi aggiunto il sale l'altra farina. 
Ho mescolato bene e quando il tutto si è amalgamato, senza impastare, ho fatto delle pieghe in ciotola ogni mezz'ora, per tre volte poi ho fatto riposare riposare 3 ore coperto. Quindi riposto in frigo fino al mattino. Ho lasciato l'impasto un'ora a temperatura ambiente poi ho cominciato a  dare la forma.
Per i coniglietti: ho preso un pezzo di pasta circa 50 grammi e fatto un rotolino lungo, l'ho  attorcigliato a chiocciola con la fine in alto e con un pezzo più piccolo ho fatto una pallina che poi ho schiacciato e tagliato con la forbice per formare le orecchie,  una piccola pallina per la coda, ho messo una goccia di cioccolato per l'occhio. 
Per i ricci: ho fatto una pallina allungata poi con l'indice ho fatto a una estremità la punta per il naso (molto lunga perché poi in cottura si riduce) prima di infornare con una forbice ho fatto sul dorso tanti piccoli taglienti di sbieco e messo due gocce di cioccolato per gli occhi.
Per la farfalla: ho fatto due palline da 50 grammi e due da 25 grammi poi le ho appiattite con il palmo della mano e queste sono le ali,ho fatto un rotolino per il corpo è una pallina piccola per la testa e altri due piccolissimi rotoli per le antenne. Ho montato la farfalla e l'ho decorata con gocce di cioccolato. 
Per gli uccellini: ho fatto un rotolino lungo poi ho fatto un nodo ho messo una pallina di pasta sopra le gocce di cioccolato è un pinolo per il becco .
Ho lasciato lievitare circa 4 ore e li ho infornati a 180 gradi per circa 20 minuti.







                                                 

domenica 8 marzo 2015

Quanti Modi di Fare e Rifare I maritozzi

A marzo l'iniziativa di Quanti modi di fare e rifare ci porta nella cucina di Silvia del blog: acqua e farina-sississima per realizzare i Maritozzi.
Non voglio essere ripetitiva ma la nostra Cuochina ci propone sempre delle splendide ricette che è un vero piacere da realizzare. I maritozzi di Silvia sono davvero buonissimi e sono stata felice di farli e soprattutto gustarli ........
Ho modificato un po' gli ingredienti perché volevo farli con licoli. Per la versione con il lievito di birra, rimando al blog di Silvia.

Ingredienti :

  • 300g farina di forza
  • 120g licoli molto attivo
  • 160g acqua
  • 75g zucchero
  • 70g uva passa
  • 20g pinoli 
  • Cedro candito
  • Aroma di arancia
  • Panna fresca da montare
  • Poco zucchero a velo 
  • Vaniglia
  • Ciliege sciroppate ( home made)
Nella planetaria mettere l'acqua lo zucchero e il licoli, mischiare gli ingredienti poi aggiungere la farina e impastare con il gancio amalgamando bene tutti gli ingredienti. 
Far riposare per trenta minuti (autolisi) riprendere l'impasto, aggiungere il sale e poco alla volta il burro.
Impastare bene, circa 15 minuti, finché l'impasto è ben incordato.
Fare una palla e metterla in una capace ciotola. Coprire bene con la pellicola, riporre al caldo per tre ore poi infilare il tutto in una borsa di plastica e mettere in frigo tutta la notte. Al mattino portare l'impasto a temperatura ambiente, quindi aggiungere l'aroma di arancia, i pinoli, l'uvetta ammollata, il cedro candito e amalgamare il tutto all'impasto, dividerlo in pezzi da 80g e formare delle palline leggermente ovali, appoggiarle su carta forno e fare lievitare finché sono belli gonfi. Accendere il forno a 200 gradi e cuocere per circa 15 minuti o fino a doratura. Montare la panna aggiungendo poco zucchero a velo e la vaniglia, tagliare i maritozzi e farcirli con abbondante panna. 
Ho pensato di decorarli con le ciliege sciroppate fatte da me, e devo dire che ci stanno davvero bene. 
 
 Che dire, spariti subito, grazie Silvia per la bella ricetta :-)))


  Il 12 aprile saremo da Susanna 
 
per preparare: le Lasagne verdi emiliane




domenica 8 febbraio 2015

Quanti modi di fare e rifare La minestra trovata

A febbraio, la bella iniziativa di Anna e Ornella, ci porta nella  Cucina di Anisja per fare  La minestra trovata. Devo dire che da quando partecipo a  Quanti modi di fare e rifare ho imparato un sacco di splendide ricette, scelte dalla Cuochina, che non conoscevo.  
Mese dopo mese mi sento arricchita nel realizzarle insieme a tanti amici e amiche sparsi nel mondo. 
Questa minestra sono contenta di averla trovata ........
Ho adattato un po' gli ingredienti perché non ho trovato tutte le erbe indicate ma comunque credo che sia vicino all'originale.

Ingredienti :

  • Spinaci
  • Cicoria 
  • Finocchietto  selvatico
  • Pancetta
  • Olio evo
  • Pane raffermo
  • Fagioli
  • Sale e pepe qb 
  • Peperoncino 
  • Aglio
  • Formaggio grattugiato 
Ho fatto cuocere i fagioli in acqua. A parte ho lessato le erbe e le ho strizzate ma non troppo. Ho messo a bagna nel brodo (che avevo) il pane raffermo.
Nel frattempo ho soffritto l'aglio nell'olio, ho aggiunto la pancetta e l'ho fatta rosolare. Poi ho unito le erbe cotte tagliate grossolanamente e i fagioli. Ho lasciato insaporire un po' ed infine ho unito il pane che nel frattempo si era ammorbidito. Ho lasciato cuocere ancora un attimo e ho servito ben calda. Buonissima nella sua semplicità, ai miei è piaciuta molto.
Mio marito ha voluto aggiungere un po' di formaggio grattugiato e devo dire che ci sta bene.
Grazie Anjsia per questa buona minestra sono stata contenta di  averla scoperta !!!!

L'8 marzo saremo da Silvia
del blog: acqua e farina-sississima
 
Per realizzare i Maritozzi



Possono interessare

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...