martedì 27 maggio 2014

Torta di riso soffiato

Questa è la torta più veloce e facile che c'è: ottima a colazione. Ho aggiunto il cioccolato sopra per abbellirla un po' e devo dire che anche il gusto ci guadagna.
Con la stessa ricetta si possono fare anche delle barrette, ideali per la merenda dei ragazzi.       

Ingredienti :

  • 5 barrette di cioccolato Mars 
  • 150 gr burro
  • 100 gr zucchero 
  • 250 gr riso soffiato
  • 100 gr cioccolato fondente per guarnire
Fondere le barrette con il burro e lo zucchero a fuoco basso o a bagnomaria. In una ciotola capiente mettere il riso soffiato, unire il composto fuso e mischiare bene velocemente (io uso le mani).  Versare, schiacciando bene e cercando di livellare, tutto il riso in una tortiera rotonda o in formine se si vogliono fare le barrette.
Lasciare riposare in frigo un paio d'ore, togliere lo stampo e decorare con il cioccolato fuso a vostro piacere. Io ho usato una siringa e ho fatto tante righe in varie direzioni. Tutto qui ma è buonissima !!!!




giovedì 15 maggio 2014

Focaccine salate con l'impasto base n. 9 della Cuochina e anche con ldb

Oggi voglio proporvi queste focaccine ideali da mettere nel cestino da picnic. Soffici saporite e golose. L'impasto base n. 9 della Cuochina e l'ideale per questo tipo di pane.

Ingredienti:

Per il poolish:
  • 150g di licoluva (o altro licoli)
  • 150g farina di forza 
  • 150g acqua
Per l'impasto :
  • 150g di farina di forza
  • 10g di olio evo
  • 5g sale
  • 'Nduja per farcire 
Per il poolish con il lievito di birra :
  • 225g acqua
  • 225g farina di forza
  • 6g di lievito di birra essiccato

Per la finitura:

  • Qualche cucchiaio di olio evo
  • Qualche cucchiaio acqua
  • Olive, origano, pomodori ecc...
  • Sale grosso qb
Mescolare bene tutti gli ingredienti del poolish con lievito di birra e mettere in un recipiente molto grande, non serve impastare deve risultare una cremina ben amalgamata, mi raccomando di non aggiungere altra farina.
Lasciare lievitare, deve triplicare e risultare un impasto molto gonfio e pieno di bolle. L'ho messo nel forno spento con la luce accesa, quindi a circa 24 gradi e ci è voluto meno di un'ora. Questo è il "finto licoli".
Adesso bisogna procedere come spiego nella ricetta qui sotto che rimane esattamente uguale, l'unica cosa che varia sono i tempi di lievitazione. 
Per questa ricetta si può partire con l'impasto al mattino e saltare il passaggio in frigo, quando è raddoppiato formare i panini  e poi far lievitare di nuovo. 
Lavorando al mattino, per me è comodo il procedimento con il riposo in frigo, usando il licoli in questo modo riesco a panificare anche durante la settimana. Impasto la sera, do la forma al pane al mattino e quando torno faccio cuocere; cosi evito anche di sbirciare continuamente la lievitazione.     
Procedimento per entrambi i modi :
Nel primo pomeriggio ho fatto il poolish con il licoli molto attivo. Ho mischiato bene l'acqua, la farina e licoli. Alle sei era più che raddoppiato (con il caldo fa prima), ho aggiunto il sale alla farina, li ho setacciati insieme e aggiunti  al poolish. Ho unito anche l'olio, ho mescolato con una spatola di silicone, ho trasferito l'impasto sul piano di lavoro leggermente infarinato e ho continuato a impastare aiutandomi con la spatola. All'inizio era appiccicoso, ma in poco tempo è diventato morbido e compatto. Ho impastato per circa 10 minuti. 
L'ho trasferito in una ciotola unta di olio e l'ho lasciato riposare per due ore circa. Poi l'ho messo in una busta di plastica e trasferito in frigo per tutta la notte. Al mattino ho messo fuori l'impasto e lasciato a temperatura ambiante per un'ora, ho diviso l'impasto in pezzi da 80gr l'uno, ho fatto dei panini tondi, li ho messi sulla carta forno ben distanziati e li ho appiattiti con le mani. Ho coperto con la pellicola e li ho lasciati lievitare per circa 6 ore, trascorso questo tempo erano belli gonfi. Ho fatto una emulsione con acqua e olio, con le dita le ho appiattite di nuovo, lasciando dei buchi in superficie, e ho versato un cucchiaio di emulsione. Su alcune ho messo delle olive, su altre l'origano, ed altre ancora le ho lasciate in bianco, le ho cosparse di sale grosso e le ho infornate a 200gr per circa 10 minuti.     
                                                            Sono sofficissime !!!!!!


 Anche queste focaccine sono

martedì 6 maggio 2014

Quanti Modi di Fare e Rifare le Mini Quiche Lorraine

Eccomi pronta a partecipare all'iniziativa di Anna e Ornella per Quanti modi di fare e rifare.
A maggio ci ospita Dany del blog: Profumo di zenzero e cannella per fare le Mini Quiche Lorraine.
Mi sono divertita a fare queste mini tortine salate. Le ho portate da amici per una merenda e le hanno divorate subito. Ho pensato di mettere anche il porro e l'abbinamento con lo speck e stato splendido.
Ho fatto più ripieno e con il rimanente ho condito le tagliatelle, vi consiglio di provare ..........
                                                            
Ingredienti:
Per la pasta:
  • 200gr farina 0
  • 90gr burro freddo
  • 70gr acqua fredda
  • 5gr sale
Per il ripieno:
  • 200gr panna
  • 2 uova
  • 100gr gruviera (io silter)
  • Una manciata di grana
  • 200gr speck
  • Mezzo porro
  • Poco olio evo
  • Un bicchiere di vino bianco
                                     
Per prima cosa, al mattino, ho preparato la pasta impastando velocemente acqua farina burro e sale. Ho fatto una palla, l'ho avvolta nella pellicola e messa in frigo.
Nel pomeriggio  ho lavato e tagliato il porro e lo speck a listarelle. Ho fatto rosolare nell'olio lo speck, ho aggiunto il porro e l'ho fatto rosolare mescolando per non farlo bruciare, ho sfumato con il vino bianco e quando è evaporato ho spento il fuoco.
In una ciotola ho messo l'uovo, la panna, i formaggi, lo speck e il porro cotti e ho mescolato bene il tutto.
Ho tirato la pasta e l'ho messa sulle formine imburrate e infarinate una vicino all'altra e ho schiacciato i bordi in modo che si tagliasse da sola, in questo modo si hanno meno scarti. Ho coperto la pasta con la carta d'alluminio, modellandola della stessa misura delle forme lasciando intravedere il bordo. Non avendo i pesi ho messo il riso che come si vede dal colore l'ho già usato più volte per questo scopo.
Ho infornato a 200 gradi per circa 15 minuti.
Ho lasciato raffreddare un po', ho tolto la carta facendo attenzione a rimuovere anche tutto il riso (che ho messo da parte per altre preparazioni).
Le ho riempite con la farcia e le ho fatte cuocere ancora fino a che non erano ben dorate.
Buonissime calde e ottime anche fredde!!!!!!!!
Grazie Dany...........
                                     
                                       
 Il 6 giugno ci ospita Lucia del blog: Tra cucina e pc
   Per realizzare: I tortelli di San Giovanni 
                           
                                          

Possono interessare

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...