martedì 31 dicembre 2013

Crema al whisky tipo baileys

Come al solito l'ultimo dell'anno lo passiamo a casa di amici. Ogni coppia porta qualcosa, quest'anno devo portare il pane, i formaggi con le marmellate e porterò anche questa crema al whisky che è sempre molto gradita, soprattuto dalle donne del gruppo.
Non bevo mai super alcolici, non li apprezzo, sento solo il gusto dell'alcol. Da ex-astemia come potrei gradire ...... Ma un liquore dolce, non troppo alcolico, in certe occasioni lo assaggio volentieri.
TANTI AUGURI DI BUON 2014 !!!!!!!!

Ingredienti:

  • 300gr di zucchero
  • 600gr di panna fresca
  • mezza bacca di vaniglia
  • 300gr di whisky 
Prima di tutto fare il caramello mou, questa operazione richiede molta attenzione, e' molto facile scottarsi. Il metodo più facile per fare il caramello e': mettere lo zucchero in una pentola a bordi alti, unire due cucchiai di acqua e cuocere senza mai mescolare finché lo zucchero si scioglie e diventa color nocciola, di tanto in tanto scuotere la pentola.
Nel frattempo scaldare separatamente la panna che deve arrivare a bollore. Quando il caramello ha raggiunto la giusta colorazione, unire la panna bollente in un colpo solo. In questa fase prestare molta attenzione, usare il guanto da forno per non scottarsi, la panna unita al caramello bolle molto e aumenta di volume come il latte ecco perché serve una pentola con i bordi alti. Mescolare con un cucchiaio di legno finché tutto il caramello sarà sciolto circa cinque minuti, togliere dal fuoco e aggiungere i semi di mezza bacca di vaniglia, mescolare bene e far raffreddare completamente.
Questo caramello mou è adatto anche per accompagnare gelati, panna cotta o semplicemente spalmato sul pane, e' molto goloso.
Quando sarà ben freddo aggiungere il whisky della marca che preferite, io ne ho messo 300gr ma si può variare a gusto personale, passare al colino fine e imbottigliare.
Mettere in frigo e sbattere prima di servire, non serve farlo riposare e' buonissimo da subito.
E' sempre molto gradito quando lo porto dagli amici !!!!!!
Chi ne vuole un goccino ?????

lunedì 23 dicembre 2013

Il panettone dell'Artusi anzi panettone Marietta

                        
Di questo dolce il maestro Artusi diceva "E' un dolce che merita di essere raccomandato perché migliore assai del panettone di Milano che si trova in commercio, e richiede meno impazzimento ." Definirlo panettone e' un po' azzardato ma  e' un'ottima alternativa .........

Ingredienti :

  • 300g farina
  • 100g burro morbido
  • 80g zucchero 
  • 80g uvetta
  • Un uovo intero e due tuorli
  • 10g cremor tartaro
  • 5g bicarbonato
  • 60g canditi in piccoli pezzi
  • Scorza di arancia grattugiata 
  • 200g di latte tiepido
  • Un pizzico di sale
  • Liquore all'arancia per bagnare l'uvetta 
Qualche ora prima, mettere in ammollo l'uvetta nel liquore.
Montare le uova con lo zucchero, aggiungere il burro e il latte a filo, la farina setacciata con il lievito, e sempre montando, il sale. Strizzare l'uvetta e unirla al composto, aggiungere gli altri canditi.
Imburrare e infarinare una teglia stretta e alta, io ho usato una pentola di ceramica da forno.
Cuocere in forno preriscaldato a 180 gradi per circa 40 minuti .
Se è difficile trovare il cremor tartaro, eliminare anche il bicarbonato e aggiungere una busta di lievito per dolci.
Semplice vero? E' anche molto buono.......     
Buon Natale, per ogni regalo che troverai sotto l'albero, per ogni sorriso che ti farà star bene, per ogni abbraccio che ti scalderà il cuore AUGURI A TUTTI !!!!!!!

giovedì 19 dicembre 2013

Pandorini con l'impasto base n.2 della Cuochina e con ldb

Quest'anno ho poco tempo per realizzare pandori e panettone ma comunque non voglio rinunciare a questi dolci natalizi quindi ho pensato a dei pandori veloci veloci ma buoni buoni. Ho voluto usare l'impasto n.2 della Cuochina che è il più ricco di uova e burro il risultato e' stata una bella sorpresa !!!

Ingredienti:

  • 110gr di licoluva molto attivo
  • 240gr di farina di forza
  • 80gr di latte freddo
  • 60gr zucchero
  • 60gr tuorli freddi
  • 80gr burro morbido
  • Un pizzico di sale
  • Mezza bacca di vaniglia 
  • Crema pasticcera al cioccolato 
  • Cioccolato a piacere per glassare (io al latte)

Per il poolish con il ldb:

  • 55gr di farina di forza
  • 55gr di acqua
  • 3gr di lievito di birra disidratato

Procedimento per il poolish:

Mescolare bene tutti gli ingredienti del poolish e mettere in un recipiente molto grande, non serve impastare deve risultare una cremina ben amalgamata, mi raccomando di non aggiungere altra farina.
Lasciare lievitare, deve triplicare e risultare un impasto molto gonfio e pieno di bolle. Io l'ho messo nel forno spento con la luce accesa, quindi a circa 24 gradi e ci è voluto meno di un'ora. Questo è il "finto licoli".
Adesso bisogna procedere come spiego nella ricetta qui sotto che rimane esattamente uguale, l'unica cosa che varia sono i tempi di lievitazione. 
Per questa ricetta il mio consiglio e' di partire al mattino e tenere d'occhio i tempi di lievitazione.

Procedimento per entrambi i modi :
Nella planetaria mettere il latte, lo zucchero, i tuorli e il licoli, mischiare gli ingredienti poi aggiungere la farina, impastare con il gancio amalgamando bene tutti gli ingredienti. 
Far riposare per trenta minuti (autolisi) riprendere l'impasto, aggiungere il sale e poco alla volta il burro.
Impastare bene per circa 15 minuti finché l'impasto è ben incordato.
Mettere l'impasto in una ciotola grande leggermente unta, coprire con la pellicola e mettere a lievitare al caldo per un paio di ore, quindi metterlo in una busta di plastica e riporre in frigo per tutta la notte.
Al mattino sarà ben lievitato, lasciare a temperatura ambiente per circa un'ora, dividere l'impasto in pezzi da 40g circa, fare delle pieghe e formare delle sfere da mettere negli stampi. Io ne ho solo sei con la forma di pandoro, gli altri li ho messi negli stampi dei muffin imburrati e leggermente infarinati. Far lievitare finché raggiungono il bordo: con licoli servono circa 6 ore.
Far cuocere a 180 gradi per circa 15 minuti, raffreddare coperti con un canovaccio perché non perdano la loro umidità .
Alcuni li ho glassati con il cioccolato e siringati con la crema pasticcera.
                     
                                                   Così sono golosissimi !!!!!!!!!
                    

                                                  Sono soffici soffici !!!!!!!!


                                       Per la màdia dei lievitati della Cuochina
                                                 




domenica 15 dicembre 2013

Torta cioco banana

Ogni venerdì vado al supermercato per fare la spesa e lì ho visto che c'era l'offerta dei preparati per torta. Tra tutte le varie scatole, ha attirato la mia attenzione la foto di una confezione, guardandola ho pensato "Ma che bella torta!". Comprare quella scatola........ Noooo!!!
Mi sono messa a leggere gli ingredienti e il procedimento mi è sembrato semplice, così ci ho provato. Non so come sarebbe stato il sapore di quella da fare con il preparato in scatola, ma so che la mia versione e' buonissima !!!!!!!
Come al solito ho tagliato la torta troppo presto, dovevo lasciarla in frigo di più, non so più quante torte, panettoni, pandoro ho rovinato sempre per la fretta e la smania di vedere come erano dentro, non imparerò mai!!!!!

Ingredienti:

Per il pan di spagna:

  • 270g albumi scaldati a 40 gradi
  • 180g tuorli
  • 250g zucchero
  • 210g farina+lievito
  • 40g di cacao amaro

Per il ripieno:

  • 600g di panna fresca da montare
  • 100g di zucchero a velo
  • 100g di gocce di cioccolato 
  • 2 fogli di colla pesce
  • semi di mezza bacca di vaniglia (no vanillina)
  • 3 banane
  • Scaglie di cioccolato bianco per guarnire
Per il pan di spagna al cioccolato:
Montare gli albumi con lo zucchero finché non si ottiene una massa soda e compatta, unire i tuorli appena mescolati, non montati, e in due o tre volte la farina setacciata con il cacao. Non mescolare più del dovuto, appena il necessario per amalgamare gli ingredienti, il risultato è un impasto compatto. 
Versare in uno stampo imburrare e infarinare e cuocere a180 gradi per circa 40 minuti.
Per il ripieno :
Ammorbidire la colla pesce in acqua fredda. Montare la panna con lo zucchero un attimo prima che sia ben montata unire la colla pesce strizzata e sciolta (io al microonde), far amalgamare bene ancora montando. Unire anche le gocce di cioccolato.
Per l'assemblaggio:
Quando la torta si e' raffreddata, scavare tutto il centro lasciando un centimetro di bordo e tre dal fondo stando attenti a non bucarlo. Tagliare  le banane a rondelle spesse due centimetri e disporle su tutta la base mettere sopra la panna . Sbriciolare il pan di spagna precedentemente scavato, delicatamente mettere sopra, coprendo bene, tutta la panna. Decorare con scaglie di cioccolato. 
E' meglio preparare la sera prima e lasciare in frigo tutta la notte .Il gusto della banana con il cioccolato e la panna e' buonissimo, è piaciuta tanto !!!!!!!!!    
                       
 Ecco la fetta tagliata troppo in fretta ...........



martedì 10 dicembre 2013

Salame con la panna

Ecco un altra ricetta gustosa ma non certo dietetica, le ricette tradizionali della mia valle sono tutte molto sostanziose perfino la minestra e' arricchita da piedini di maiale, cotenne o frattaglie di pollo.
Qui fa molto freddo e la stufa si accende otto mesi l'anno, un tempo servivano molte calorie anche per il lavoro pesante in campagna o nelle fucine . Oggi si cerca di mangiare più dietetico ma una volta tanto uno strappo alla regola si può fare........

Ingredienti:
  • 1 kg di salame fresco
  • 250gr di panna fresca del tipo da montare
  • 100gr latte
  • 20gr farina
  • Una noce di burro (facoltativo)
Tagliare il salame a fette di circa 3 centimetri, in una padella (se anti aderente non serve il burro)
far sciogliere il burro e rosolare il salame da entrambi i lati, aggiungere la panna abbassare il fuoco al minimo coprire con un coperchio e far cuocere per circa 20 minuti. Mischiare il latte con la farina aggiungere al salame e cuocere ancora pochi minuti . Nel frattempo preparare una bella polenta, servire con verdura a piacere è inutile dire che è un piatto unico ........ gustosissimo !!!!!



venerdì 6 dicembre 2013

Quanti Modi di Fare e Rifare Il Panpapato di Ferrara

E' già dicembre, come passa il tempo, sono qui puntuale all'iniziativa di Anna e Ornella di Quanti Modi di Fare e Rifare, questo mese andiamo a Ferrara, ospiti della cucina di JèAle del blog Un Castello in giardino per fare insieme Il Panpapato o Panpepato .
Non avevo mai preparato questo dolce e sono felice di aver imparato un'altra ricetta buonissima, grazie per questa ricetta. L'ho eseguita alla lettera per quanto riguarda gli ingredienti ma ho modificato la forma e la decorazione mi sono divertita nel prepararlo e sono molto soddisfatta del risultato, voi che ne dite ?

Ingredienti:

  • 250 farina senza glutine (100gr farina di riso, 75gr di maizena, 75gr fecola, non ho messo la tapioca)
  • 200gr zucchero semolato fine
  • 75gr cacao amaro in polvere
  • 70gr pinoli interi
  • 70gr mandorle in filetti
  • 50gr cedro candito
  • 50gr arancia candita
  • 5 ciliegie candite tagliate in tre
  • 8gr cannella
  • 5gr chiodi di garofano ridotti in polvere
  • Un cucchiaino di lievito per dolci
  • Una tazzina di caffè 
  • 120gr di latte
  • Per decorare: 80gr cioccolato fondente, 80gr cioccolato al latte, 50gr cioccolato bianco e zucchero a velo.
Ho unito le spezie ai canditi, ho setacciato tutte le farine e il lievito insieme, ho aggiunto i canditi, i pinoli, le ciliegie, le mandorle, ho unito il caffè e il latte poco alla volta. L'impasto deve essere compatto e asciutto. Ho fatto delle palline di circa 50gr e le ho disposte distanziate sulla carta forno.
Ho infornato a 160 gradi per circa 20 minuti.
Quando i dolcetti erano ben freddi ho fatto fondere separatamente i tre tipi di cioccolato, ho spalmato la base e ho fatto asciugare, quindi ho spalmato anche la superficie, tenendoli su una gratella e li ho fatti asciugare ancora per bene. Alcuni li ho lasciati al naturale e altri li ho spolverati di zucchero a velo.
Sono diventati quasi dei pasticcini !!!!
Li ho disposti per bene nella scatola di latta ma non ci sono stati per molto perché sono piaciuti tanto perfino alla mia mamma che non mangia i canditi.
E' un'ottima idea regalo di Natale per parenti ed amici !!!



Il 6 gennaio 2014 faremo
Il  Tiramisù di Laly del blog:
Le mille e una passione





Possono interessare

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...